Aperti e in sicurezza

L’apertura delle attività in questa fase pandemica comporta ladeguamento a nuovi standard di sicurezza e al rispetto di rigorosi protocolli per contrastare il ritorno dell’epidemia.
Questo sito nasce come supporto alle imprese. Uno strumento
per accedere a normative, protocolli e materiale informativo e adeguarsi rapidamente alle più recenti .
A disposizione di negozianti e imprenditori anche un team di specialisti pronti ad offrire consulenza in tempo reale.

SCARICA QUI I CARTELLI AGGIORNATI
AL 6 AGOSTO 2021 (anche GREEN PASS)

Green pass: tutti gli adempimenti in vigore dal 15 ottobre 2021
per i datori di lavoro

Per effetto del D.L. n.127/2021, entrato in vigore il 22 settembre 2021, dal 15 ottobre scatta l’obbligo di Green pass per accedere ai luoghi di lavoro. Vediamo di seguito quali sono i controlli che devono essere posti in essere dal datore di lavoro nei confronti di tutti i lavoratori (dipendenti e non) che accedono alla propria azienda per motivi di lavoro, nonché i requisiti che i lavoratori stessi devono possedere per accedere ai luoghi di lavoro.

CLICCA QUI PER ACCEDERE A TUTTI I DETTAGLI,
ALLE APP DA SCARICARE
E AI DOCUMENTI NECESSARI

 

 

GREEN PASS: I CARTELLI DA ESPORRE

Da venerdì 6 agosto 2021 sono entrate in vigore le nuove disposizioni di contrasto alla pandemia e sarà necessario per gli esercenti controllare il green pass dei clienti che saranno poi serviti nel locale.
Confesercenti Parma mette a disposizione degli esercenti alcuni cartelli che possono essere utili per segnalare ai clienti e ai fruitori l’obbligo di controllo e il luogo in cui è necessario possedere il pass.

CLICCA SULL’IMMAGINE PER SCARICARE
IL PDF PREDISPOSTO PER LA STAMPA

Aperti e in sicurezza

L’apertura delle attività in questa nuova fase pandemica comporta ladeguamento a nuovi standard di sicurezza e al rispetto di rigorosi protocolli per contrastare il ritorno dell’epidemia.

Questo sito nasce come supporto alle imprese. Uno strumento
per accedere a normative, protocolli e materiale informativo e adeguarsi rapidamente alle più recenti .

A disposizione di negozianti e imprenditori anche un team di specialisti pronti ad offrire consulenza in tempo reale.

A VOSTRA DISPOSIZIONE I NOSTRI SERVIZI PERSONALIZZATI DI CONSULENZA E ASSISTENZA

NORMATIVA

Le norme e regolamenti nazionali, regionali
e comunali.

PROTOCOLLI

Le direttive da rispettare e il materiale informativo da stampare.

CONSULENZA

Il team di specialisti a vostra disposizione per la messa a norma della propria attività.

NEWS

Gli aggiornamenti su disposizioni attuali e future.

RIAPERTURE 2021: LE PRINCIPALI NORME PER I LOCALI PUBBLICI

IN ZONA GIALLA

Dal 21 giugno 2021, in zona gialla, cessano di applicarsi i limiti orari agli spostamenti.

✓ Da considerare, come si vedrà, che la certificazione verde COVID-19 di cui all’articolo 9, comma 3, del decreto-legge n. 52 del 2021 (cioè la certificazione normalmente rilasciata al completamento del prescritto ciclo di vaccinazione) è ora rilasciata anche contestualmente alla somministrazione della prima dose di vaccino e ha validità dal quindicesimo giorno successivo alla somministrazione fino alla data prevista per il completamento del ciclo vaccinale.

 

 

Il CERTIFICATO VERDE O GREEN PASS

Art. 14. Disposizioni in materia di rilascio e validità delle certificazioni verdi COVID-19
✓ La certificazione verde COVID-19, rilasciata ai sensi dell’articolo 9, comma 3, del decreto-legge 22 aprile 2021, n. 52, ha validità di nove mesi dalla data del completamento del ciclo vaccinale.

Ricordiamo che le certificazioni verdi COVID-19 sono rilasciate al fine di attestare una delle seguenti condizioni:
a) avvenuta vaccinazione anti-SARS-CoV-2, al termine del prescritto ciclo;
b) avvenuta guarigione da COVID-19, con contestuale cessazione dell’isolamento prescritto in seguito ad infezione da SARS-CoV-2, disposta in ottemperanza ai criteri stabiliti con le circolari del Ministero della salute;
c) effettuazione di test antigenico rapido o molecolare con esito negativo al virus SARSCoV-2.

✓ La certificazione verde COVID-19 di cui alla lettera a), la quale aveva una validità di sei mesi ed ora ha validità di nove mesi dalla data del completamento del ciclo vaccinale, è rilasciata, su richiesta dell’interessato, in formato cartaceo o digitale, dalla struttura sanitaria ovvero dall’esercente la professione sanitaria che effettua la vaccinazione e contestualmente alla stessa, al termine del prescritto ciclo, e reca indicazione del numero di dosi somministrate rispetto al numero di dosi previste per l’interessato.
Contestualmente al rilascio, la predetta struttura sanitaria, ovvero il predetto esercente la professione sanitaria, anche per il tramite dei sistemi informativi regionali, provvede a rendere disponibile detta certificazione nel fascicolo sanitario elettronico dell’interessato.

✓ La certificazione verde COVID-19 di cui alla lettera b) ha una validità di sei mesi a far data dall’avvenuta guarigione, ed è rilasciata, su richiesta dell’interessato, in formato cartaceo o digitale, dalla struttura presso la quale è avvenuto il ricovero del paziente affetto da COVID-19, ovvero, per i pazienti non ricoverati, dai medici di medicina generale e dai pediatri di libera scelta, ed è resa disponibile nel fascicolo sanitario elettronico dell’interessato. La certificazione di cui al presente comma cessa di avere validità qualora, nel periodo di vigenza semestrale, l’interessato venga identificato come caso accertato positivo al SARS-CoV-2.

Le certificazioni di guarigione rilasciate precedentemente alla data di entrata in vigore del decreto sono valide per sei mesi a decorrere dalla data indicata nella certificazione, salvo che il soggetto venga nuovamente identificato come caso accertato positivo al SARS-CoV-2.12.

✓ La certificazione verde COVID-19 di cui alla lettera c) ha una validità di quarantotto ore dall’esecuzione del test ed è prodotta, su richiesta dell’interessato, in formato cartaceo o digitale, dalle strutture sanitarie pubbliche da quelle private autorizzate o accreditate e dalle farmacie che svolgono i test, ovvero dai medici di medicina generale o pediatri di libera scelta.

✓ La certificazione verde COVID-19 di cui all’articolo 9, comma 3, del decreto-legge n. 52 del 2021 è rilasciata anche contestualmente alla somministrazione della prima dose di vaccino e ha validità dal quindicesimo giorno successivo alla somministrazione fino alla data prevista per il completamento del ciclo vaccinale.

IN ZONA BIANCA

✓ Coprifuoco
In zona bianca non esiste più coprifuoco.

✓ Mascherine all’aperto non più obbligatorie con eccezioni
Bisognerà portarle con sé in caso di accessi a luoghi chiusi (es. negozi), e sono ancora obbligatorie in fiere e mercati e ovunque si possano creare assembramenti.

Bar e ristoranti
Bar e ristornati possono restare aperti anche al chiuso senza limiti orari. Al chiuso si potrà stare al massimo in sei al tavolo, all’aperto nessun limite. Si deve sempre osservare il distanziamento interpersonale e bisogna indossare la mascherina quando ci si sposta all’interno del locale. Sono consentite senza restrizioni anche la vendita con asporto di cibi e bevande e la consegna a domicilio.

Decaduto dal 21 giugno 2021 il limite di 6 persone per tavolo. Queste le prescrizioni per i ristoratori: 
– disporre i tavoli in modo da assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra i clienti di tavoli diversi negli ambienti al chiuso (estendibile ad almeno 2 metri in base allo scenario epidemiologico di rischio) e di almeno 1 metro di separazione negli ambienti all’aperto (giardini, terrazze, plateatici, dehors), ad eccezione delle persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggetti al distanziamento interpersonale. Detto ultimo aspetto afferisce alla responsabilità individuale. Tali distanze possono essere ridotte solo con barriere fisiche di separazione, avendo cura che le stesse non ostacolino il ricambio d’aria;
– far indossare ai clienti la mascherina a protezione delle vie respiratorie in ogni occasione in cui non sono seduti al tavolo;
– favorire la consultazione online del menu tramite soluzioni digitali, oppure predisporre menu in stampa plastificata, e quindi disinfettabile dopo l’uso, oppure cartacei a perdere;
– al termine di ogni servizio al tavolo, assicurare pulizia e disinfezione delle superfici.

Feste di nozze e cerimonie
Via libera ai banchetti di nozze senza limiti numerici per le cerimonie. Gli ospiti dovranno però essere in possesso del ‘green pass’ che si ottiene una volta completato il ciclo vaccinale. Con l’ultimo decreto, ci sono anche altri modi per avere la certificazione verde. La si ottiene a 15 giorni dalla somministrazione della prima dose o con un certificato di avvenuta guarigione dal Covid-19 (che dura sei mesi). Se non si hanno questi documenti, serve un referto con risultato negativo di un tampone eseguito nelle 48 ore precedenti l’evento. Il green pass ha una validità di 9 mesi per chi ha completato il ciclo vaccinale.

Negozi e centri commerciali
Shopping ammesso al weekend nei centri commerciali. Non ci sono più regole che implicano la chiusura di certi negozi nei centri commerciali il sabato e la domenica o nei giorni festivi e prefestivi.

Palestre, piscine e centri termali
Palestre e piscine al chiuso sono aperte già dal 1° giugno. Riaprono anche piscine termali, centri natatori e centri benessere e termali.

Fiere, convegni e congressi
Cponsentito lo svolgimento in presenza di fiere, convegni e congressi.

Parchi tematici
Riaprono i parchi tematici e di divertimento

Sale giochi
Riaprono le attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò, anche se svolte all’interno di locali adibiti ad attività differente.

Discoteche
Finalmente potranno riaprire anche le discoteche, ma non per ballare. Verranno, invece, utilizzate per servire apertivi, cene e cocktail.
Per ballare in discoteca, invece, il Governo sta decidendo il da farsi. Le ipotesi, per ora, riguardano le riaperture da luglio con green pass e il mantenimento della mascherina almeno in una prima fase, escludendo il momento del ballo.

Corsi di Formazione
Possono riprendere i corsi di formazione in presenza

Spostamenti
In zona bianca è possibile spostarsi senza limiti di orario verso tutto il territorio nazionale se lo spostamento avviene per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute, oppure se si è in possesso di una ‘certificazione verde Covid-19’ valida.
Si può anche entrare nelle zone gialle, senza doverne giustificare il motivo, ma rispettando le restrizioni di orario e quelle relative agli spostamenti verso le altre abitazioni private abitate.

 

 

PUBBLICI ESERCIZI

ATTIVITÀ RICETTIVE

COMMERCIO (FOOD)

BENESSERE

RISTORAZIONE

COMMERCIO (NON FOOD)

SERVIZI

SU SUOLO PUBBLICO

PISCINE E PALESTRE

B&B E AGRITURISMI

CIRCOLI

AULE E STRUTTURE CORSI

Contatta i nostri  specialisti

Ai sensi e per gli effetti degli articoli 7, 13 e 15 del Regolamento UE 2016/679 acconsento al trattamento dei miei dati personali come da informativa privacy di Confesercenti Parma